<data:blog.pageTitle/> Video highlights football calcio serie a champions league bundesliga premier league liga formula 1 moto gp & more

martedì 30 settembre 2008


From Eurosport.com

Spanish champions Real Madrid beat UEFA Cup holders Zenit St Petersburg 2-1 in a thrilling Champions League Group D clash in Russia, while BATE Borisov drew 2-2 at home to Italian giants Juventus in their match.

An end-to-end match was by the hosts, but Real rebuffed them with an admirable rearguard action and several excellent saves by Iker Casillas.

The second half in particular saw Dick Advocaat's men pile the pressure on Madrid. Andriy Arshavin hit the woodwork and his team-mates spurned countless chances, but a backs-against-the-wall performance from Bernd Schuster's men saw them hold on for the three points.

Real took the lead in the fourth minute after Tomas Hubocan turned Rafael van der Vaart's low cross into his own net.

The early phase of the match had Zenit committing basic defensive errors while not getting their usual attacking rhythm going. Real could have been three up before the hosts got their act together, with Gonzalo Higuain, Ruud Van Nistelrooy and Sergio Ramos all going close.

But Zenit woke up and tore Madrid apart in every way apart from the result. Arshavin twice and Pavel Pogrebniak both had opportunities before Portuguese midfielder Danny Alves turned home a superb Arshavin cross on 24 minutes.

Czech wide-man Radek Sirl gave Sergio Ramos a torrid time with his running, crossing and shooting, while Arshavin's guile and Pogrebniak's directness tested Fabio Cannavaro and Pepe to the maximum.

It was Real, however, who scored next. Just after the half hour, Van der Vaart tried to drill a low ball into the Zenit box. It took a deflection and landed in the path of Van Nistelrooy, who scuffed a low shot past Vyacheslav Malafeev and into the bottom right.

It proved to be an unlikely, lucky winner.

Pogrebniak, Danny, Hubocan and - on several occasions - Arshavin had great chances to level, but for all their pressure and exciting play the Russian side could not force another goal. Madrid had their chances, usually one for every three Zenit attempts and always on the break.

The introduction of Fatih Tekke and Alejandro Dominguez stretched Los Merengues even further. Both had great opportunities to score, but Madrid somehow held on for a win that put them top of the group.

BATE Borisov 2-2 Juventus

Vincenzo Iaquinta scored a first-half double to help Juventus salvage a 2-2 draw at Belarusian minnows BATE Borisov.

Italy forward Iaquinta saved the Serie A side's blushes by nodding in a Sebastian Giovinco cross in the 29th minute and firing through the legs of BATE keeper Sergei Veremko on the stroke of half time.

The hosts had taken control with goals by Sergei Kryvets and Igor Stasevich on 17 and 23 minutes.

After two matches Juventus, who beat Zenit St Petersburg 1-0 in their opener, are second in Group H with four points, two behind leaders Real Madrid.

BATE made a fearsome start and Kryvets gave them a deserved lead when he ran on to a long pass, rounded Alexander Manninger and slipped the ball into an empty net.

Stasevich headed past an immobile Manninger, standing in for Italy keeper Gianluigi Buffon, after Pavel Nedved failed to cut out a Pavel Nekhaychik cross to double the lead.

Both sides pressed forward after Iaquinta's double, which made for a lively, albeit goalless second half, with twice European champions Juve having the better chances.

The draw lifts BATE, in the Champions League proper for the first time, off the bottom of Group H, giving them a one-point advantage over Zenit.


From eurosport.com

Bayern Munich came from behind to draw 1-1 at home to Lyon in Group F of the Champions League, while Fiorentina were frustrated by Steaua Bucharest in a goalless draw in Florence.

Bayern Munich 1-1 Lyon

The visitors took a fortuitous lead on 25 minutes when a long-range Juninho free-kick was inadvertently flicked past Bayern keeper Michael Rensing by team-mate Martin Demichelis.

Seven minutes into the second half Bayern equalised through an unlikely source - a header by diminutive Brazilian midfielder Ze Roberto.

Massimo Oddo cleverly found Miroslav Klose on the right wing and Klose crossed first-time for the veteran playmaker to head home past Hugo LLoris.

The German champions controlled the match but a combination of poor finishing by Luca Toni and good saves by Lloris from Ribery and the misfiring Toni kept Lyon in the game.

Frank Ribery also had several good chances, while Oddo turned in a man-of-the-match performance at right back.

Lyon's chances were few and far between, although Rensing saved well from Fred and Anthony Reveillere.

The result puts Bayern top of the group with four points in two matches, while Lyon share second with Fiorentina after a second draw in as many games.

Fiorentina 0-0 Steaua Bucharest

Steaua Bucharest defended strongly to secure a 0-0 draw at Fiorentina for their first point in the Champions League.

The result leaves the Italian team level on two points with Lyon, with the Romanian side bottom after two games.

It was a poor match with many mistakes in midfield and both teams failing to build dangerous attacks, even if Fiorentina dominated for longer periods.

Fiorentina's Romanian striker Adrian Mutu, who was kept on a tight rein for the most part, blazed the first opening over the bar and then a close-range shot from Alberto Gilardino was blocked by Steaua's Colombian goalkeeper Robinson Zapata.

Steaua replied with a quick counter-attack putting striker Antonio Semedo through in a one-on-one situation with keeper Sebastian Frey but the Portuguese missed the target by inches.

Mutu's freekick from distance flew narrowly wide after the break and the striker missed again from a narrow angle minutes later when his header went into the side netting.


From Eurosport.com

Dimitar Berbatov opened his Manchester United account with a well-taken second-half brace in a 3-0 Champions League win over Aab Aalborg.

Wayne Rooney also got on the scoresheet at the Energi Nord Arena as the defending champions went top of Group E on goal difference after Villarreal beat Celtic 1-0 in the other game.

It was a satisfying evening for United, although a knee ligament injury to Paul Scholes - who was forced off and replaced by Ryan Giggs after just 16 minutes - tainted celebrations.

The visitors started strongly and Rooney made United's early domination count with a neat finish after 22 minutes.

The striker has been accused of not pulling his weight in the goals department in the past, but he netted his second in as many games when he ran on to Ryan Giggs's neat through pass and fired confidently past Karim Zaza in the Aalborg net.

Rooney was in effervescent form throughout, although there was further cause for concern - not only for United but England as well - when he departed with a knock just before the hour mark.

If United boss Alex Ferguson was pleased to see Rooney finding his shooting boots once again, he must have been delighted to see big money summer signing Berbatov finally open his United account.

The Bulgarian's two goals may have come from wildly contrasting sources, but both were finished with typical aplomb.

The first was presented on a plate following a comical error by Thomas Augustinussen on 55 minutes, the Aalborg captain horribly miscontrolling a pass and the ball skewing into Berbatov's path. The £30.75 million man did the rest, firing the ball into an almost empty net.

The approach play for his second could not have been more different, Cristiano Ronaldo getting to the by-line before sending a cross over to Berbatov, who let the ball bounce once before netting with a delightful scissors kick.

Two goals in the bag and the headlines were Berbatov's, but it all could have been very different had he let a glaring early miss - a sixth minute volley which was sliced wide of the mark - affect his game.

Two minutes after that chance had gone begging, Rio Ferdinand showed Berbatov just how to strike a volley, the defender connecting sweetly with a John O'Shea flick-on from a corner, only to see his effort repelled by the legs of Zaza.

Young full-back Rafael Da Silva - who impressed on the right hand side after Alex Ferguson preferred him to England international Wes Brown - also went close for the reigning champions early on.

Zaza found the 18-year-old Brazilian's long-range effort on 21 minutes too hot to handle - fortunately for him the ball fell to a red and white shirt, and not to the blue of United's away strip.

Rafael showed a willingness to get forward at every opportunity and went close again as the first half neared a conclusion. This time Zaza was forced into tipping over the bar.

United continued in an attacking vein after the break, and soon after Berbatov's first, Carlos Tevez - Rooney's replacement - bundled the ball into the back of the net, only to have the 'goal' chalked off for hand ball.

The Argentinian then fired a powerful drive just over the bar before Ronaldo nearly added a fourth late on - his effort hit the side netting after he was forced a little too wide when rounding the keeper from Berbatov's lovely through ball.

Mike Hytner / Eurosport


from Eurosport.com

Arsenal survived a couple of early scares at home to Porto in Champions League Group G to run out comfortable 4-0 winners.

Robin Van Persie scored the first from close range following a good move down the right and Emmanuel Adebayor added a second before half-time with a header from a corner.

Van Persie finished a third immediately after the restart and Adebayor made it four from the penalty spot when substitute Nicklas Bendtner was fouled in the box.

It could have been very different as the 2004 European champions missed a glorious chance on 13 minutes.

Porto cleared an Arsenal corner and Raul Meireles combined with Lisandro Lopez to send Tomas Costa galloping down the right. His cross was between Manuel Almunia in the Arsenal goal and the retreating defence, where Cristian Rodriguez dived to head downwards.

The ball flew up off the ground and bounced off the crossbar, giving Arsenal a nightmarish remainder of their home Premier league loss to Hull at the weekend.

The Gunners had enjoyed space on the right and gone close themselves but were again undone on 26 minutes, Lisandro poking towards goal following an excellent header down from Rolando. The ball beat Spaniard Almunia, but France left-back Gael Clichy was on the line to block.

Five minutes later the supporters were relieved to see Arsenal take the lead. Fabregas slid in Adebayor down the right side of the box - where Theo Walcott was repeatedly causing mayhem - and the big striker pulled back to the arriving Van Persie, who got in front of the defender to finish at the near post.

Porto, despite their chances, had not looked likely to create much and the game was more or less put beyond them when Adebayor rose to nod down a Van Persie corner. The ball looped back up and over the despairing defenders on the line to double the lead five minutes before the break.

Arsenal were elegant in the second half after receiving a further boost in its earliest moments. Shocking defending by Porto, and Bruno Alves in particular, allowed Walcott to pass inside and Netherlands man Van Persie scored his second inside the far post.

They were his first European goals in a year and he was denied the chance of a hat-trick when Bendtner replaced him on 65 minutes, with Samir Nasri also making way for Emmanuel Eboue.

Cesc Fabregas had been at the heart of Arsenal's best work, pulling the strings in midfield, but it was Walcott who grabbed the eye in front of watching England manager Fabio Capello.

The hat-trick hero from Croatia could not apply the finishing touch to any of his speedy forages behind Porto's defence however and caused the Italian boss to chuckle when on 53 minutes he missed from inside the six-yard box with the goal gaping.

It was far from the only chance of its ilk as Arsenal attacked the flanks with gusto; Walcott's evening though was ended prematurely when Arsene Wenger - smiling on the touchline again after the 'physically sickening' loss to Hull - replaced him with Carlos Vela.

The Gunners' enthusiasm was rewarded in the moments before that change when Freddy Guarin clattered unceremoniously into Dane Bendtner and Adebayor sent Helton the wrong way from the spot.

Vela, who bagged a hat-trick against Sheffield United in the League Cup a week before, dazzled with a pair of runs into the box but there were no more goals for a rampant Arsenal side.

Porto coach Jesualdo Ferreira will think back to those early misses and wonder what might have been as Wenger delights in the ability of his young charges to bounce back from crushing defeat.

It was Arsenal's first win in this season's competition after they drew their opening match against Dynamo Kiev, while Porto tasted defeat for the first time following their opening win over Fenerbahce.

Fenerbahce 0-0 Dynamo Kiev

Fenerbahce and Dynamo Kiev shared a lacklustre goalless draw in Istanbul.

Fener playmaker Alex worked to create chances up front with Daniel Guiza but the home side gave the ball away easily and Dynamo comfortably absorbed the pressure.

The result piled fresh pressure on Fenerbahce's Spanish coach Luis Aragones. Last season's Champions League quarter-finalists are 10th in the domestic league.

Fenerbahce, losers at Porto in their opening match, burst into life after half-time when Alex fired a shot just wide from the edge of the box in the 48th minute.

A minute later Dynamo keeper Stanislav Bogush saved efforts from Guiza and former Newcastle man Emre, who worked hard in midfield for the home side.

Fenerbahce pressed hard for a goal in the final stages. Selcuk Sahin fired straight at the goalkeeper from the edge of the penalty area and Kazim Kazim shot wide with a long-range effort.

But the Ukrainian side, who drew with Arsenal in their opening match, held firm in defence.


Da Gazzetta.it

Il sospirato inno della massima competizione europea non viene suonato per un problema tecnico. E non suona nemmeno la musica del gol, perché i romeni si difendono con ordine e si rendono spesso pericolosi: due miracoli di Frey. Palo esterno di Mutu, finisce 0-0

FIRENZE, 30 settembre 2008 - Le note dell'inno della Champions League erano attese da anni a Firenze, ma nonostante le prove della vigilia il momento solenne è stato negato ai tifosi da un problema tecnico. Segno premonitore: anche l'impetuosa musica del gol non si sarebbe sentita per tutta la partita, nonostante la generosità dei viola e grazie alla sapienza tattica dei romeni.
ROMENI "INFIDI" - I viola partono veloci e motivati, cercando subito la porta. La determinazione iniziale fa la differenza, e infatti le occasioni arrivano ben presto, ovviamente con Mutu e Gila, ben supportati da Montolivo. Ma i romeni non sono nati ieri, il loro tecnico è qual Lacatus che a inizio anni '90 giocò anche nella Fiorentina e le contromisure non tardano ad arrivare: la miglior difesa è l'attacco, e infatti la Steaua inizia ad affacciarsi anche in velocità nell'altra metà campo, creando apprensione. E' in particolare sulla sinistra che gli avversari dei viola scorrazzano, grazie soprattutto a un devastante Semedo su cui Jorgensen soffre troppo. Così si arriva al finale di tempo su uno 0-0 inevitabile.
LA RIPRESA - Si riparte con Prandelli che prende le contromisure, togliendo Jorgensen per un più guardingo e attento Zauri. E infatti il nuovo entrato va subito a fare muro su un'azione pericolosa dei romeni. Poi i viola prendono in mano la partita con un netto predominio nel possesso palla, ma le occasioni si fanno attendere, anche perché a centrocampo Montolivo via via si spegne, e gli altri non si accendono: qualche bello spunto a sinistra sull'asse Vargas-Mutu, niente di più. Allora si comincia a sfruttare la distanza, tra calci piazzati e tiri su azione: arriva così il palo esterno su punizione e l'esterno della rete, sempre a firma di Mutu. Ma di nuovo, i romeni non stanno a guardare, nonostante l'ingresso di Zauri: Semedo ha la palla buona e ravvicinata e chiama al riflesso miracoloso Frey, che subito dopo deve ripetersi. E alla fine Lacatus lascia il suo ex stadio con un punto meritatissimo, mentre Prandelli esce chiedendosi se non serva un bis di strigliata ai suoi. Quanto al pari del Bayern col Lione, che tiene ancora abbastanza aperto il girone F, è una consolazione non propriamente grassa.

FIORENTINA (4-3-3): Frey; Jorgensen (1'st Zauri), Gamberini , Dainelli, Vargas; Montolivo (36'st Pazzini), Felipe Melo, Almiron (29'st Kuzmanovic); Santana, Mutu, Gilardino. (Storari, Kroldrup, Donadel, Osvaldo). All.: Prandelli.
STEAUA BUCAREST (4-4-1-1): Zapata; Ogararu, Goian, Ghionea, Marin; Nicolita, Radoi, Lovin, Semedo (48'st Kapetanos); Moreno (43'st Tiago Gomes); Stancu (32'st Szekely). (Cernea, Baciu, Golanski, Toja. All.: Lacatus.
ARBITRO: Riley (Inghilterra).
NOTE: .spettatori 26 mila circa. Ammoniti Marin e Stancu. Angoli: 4-1 per la Fiorentina. Recupero: 1'; 5'.


Da gazzetta.it

I bianconeri pareggiano 2-2 a Minsk nella seconda uscita di Champions. Doppio vantaggio dei bielorussi con Kryvets e Stasevich, in un primo tempo da dimenticare per la squadra di Ranieri, che comunque rimedia grazie alla doppietta dell'attaccante

MINSK (Bielorussia), 30 settembre 2008 - La Juventus pareggia ancora. Dopo i due pari di campionato arriva quello di Champions. A Minsk. Contro lo sconosciuto Bate Borisov. Alla vigilia sarebbe stato interpretato come un passo falso. Per come si è sviluppata la partita, la Juve l'ha scampata bella. Nel corso di un primo tempo disastroso si è trovata sotto 2-0. Travolta sul piano del gioco. In quel momento ha attinto al patrimonio di carattere e mentalità vincente che è caratteristico dello zoccolo duro di questa squadra. Preda dei venti gelidi bielorussi, non si è lasciata andare. Ha tenuto. E rialzato la testa. Un k.o. avrebbe rischiato di compromettere un progetto intrapreso due anni fa, con l'acqua alla gola. È uscita dalla buca in cui si era cacciata grazie all'ispirazione di Giovinco, due volte assistman, e alla vena realizzativa di Iaquinta. Che ha sfruttato l'occasione concessagli da Ranieri. Due gol. Scacciapensieri. Poi nella ripresa Ranieri è corso ai ripari correggendo una formazione troppo "lunga" e sbilanciata. Il subentrato Marchisio è diventato la bussola del centrocampo, e la Juve nel finale ha sfiorato il colpaccio. Sarebbe stato troppo. Ma la serata è raddrizzata. O almeno non è una Caporetto.
NOTTE FONDA - L'inizio della Juve è da museo degli orrori. La squadra è messa male in campo. Lunga. Sempre in inferiorità numerica in mezzo. E viene presa a pallate dai bielorussi. Da stropicciarsi gli occhi. Non può essere vero. Legrottaglie si fa subito male. Il cambio non arriva tempestivo. E il Bate ne approfitta. Gol di Kryvets, il giocatore più tecnico dei padroni di casa, che sfrutta un lancio lungo e segna dopo aver saltato Manninger. Legrottaglie esce acciaccato. Dentro un pimpante Knezevic. Sul gol subìto il problema fisico del nazionale azzurro si è rivelato determinante. Il Bate insiste. La Juve sembra paralizzata. Sarà il freddo. Sarà il furore agonistico degli avversari. Sarà lo stupore per quello che sta succedendo. Sissoko in mezzo è solo come un eremita: è con un intervento provvidenziale, con l'altro ti fa mettere le mani nei capelli. Ma non può fare tutto da solo. Camoranesi gioca da mediano, Nadved e Giovinco sono defilati, le punte male assistite. Il patatrac sembra diventare irreparabile quando al 23' Stasevich anticipa di testa Nedved e trafigge Manninger. 2-0 Bate. Incredibile. Ora è proprio dura.
REAZIONE JUVE - La Juve avrà tante magagne - stasera davvero troppe -, ma di sicuro ha cuore e mentalità vincente. E così, complice la mancanza di killer istinct calcistico dei bielorussi, rialza la testa. Del Piero sfiora il gol su punizione. Il Bate ha ancora praterie a disposizione e la Juve finalmente scende in trincea per difendersi. E soprattutto riparte. La difesa del Bate è quella che è, e allora le prime due vere palle gol bianconere si trasformano in reti. Il refrain fa così: Giovinco-Iaquinta. Prima l'attaccante ex Udinese accorcia le distanze con un colpo di testa angolato sul cross dalla destra di Giovinco. Poi nel recupero dei primi 45', pareggia con un bel sinistro, ispirato ancora dal fantasista. All'intervallo è 2-2. Da metterci la firma per quello che si è visto.
JUVE TRASFORMATA - Juve molto più quadrata in avvio di ripresa, con Marchisio che aiuta Sissoko in mezzo. Il Bate tiene altri 10': Likhtarovich si divora un'occasione mettendo alto di piatto il cross dalla destra, Volodko fa venire i brividi a Manninger di testa. Ma è la Juve che fa gioco. E spinge. Sempre più autorevole. Del Piero cresce in maniera esponenziale, prova in acrobazia ad anticipare Veremko, non ci riesce. Poi sfiora il gol con un sinistro appena a lato, dopo un duetto con Giovinco che supera l'esame europeo. La Juve finisce in forcing ma non trova il gol vittoria. Finisce 2-2.
Riccardo Pratesi

MARCATORI: Kryvets (B) al 17', Stasevich (B) al 23', Iaquinta (J) al 29' e 48' p.t.
BATE BORISOV (4-5-1): Veremko; Kazantsev, Sosnovski, Rzhevski, Yurevich; Likhtarovich (25' s.t. Sivakov), Volodko, Kryvets, Stasevich, Nekhaychik (41' s.t. Mirchev); Rodionov (47' s.t. Pecha). (Gutor, Bliznyuk, Skavysh, Sakharov). All. Goncharenko.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Legrottaglie (18' p.t. Knezevic), Chiellini, De Ceglie; Giovinco, Camoranesi (1' s.t. Marchisio), Sissoko, Nedved; Del Piero, Iaquinta (36' s.t. Amauri). (Chimenti, Salihamidzic, Molinaro, Marchionni). All. Ranieri.
ARBITRO: Atkinson (Ing).
NOTE: spettatori 40.000 circa. Ammoniti Nekhaychik, Grygera, Volodko, Kazantsev, Sissoko, Marchisio. Recupero 4' p.t. e 4' s.t.




AaB - Man. United
Arsenal - Porto
BATE - Juventus
Bayern - Lyon
Fenerbahçe - Dynamo Kyiv
Fiorentina - FC Steaua Bucureşti
Villarreal - Celtic
Zenit - Real Madrid

domenica 28 settembre 2008


Da gazzetta.it

Derby alla squadra di Ancelotti: 1-0. Il trio brasiliano rossonero fa la differenza contro l'Inter: è l'ex Barça a trovare il gol di testa su cross di Kakà. I nerazzurri cercano di imporre il loro gioco ma via via si innervosiscono, fino al rosso a Burdisso e Materazzi (dalla panchina) e all'occasione sprecata da Adriano

MIALNO, 28 settembre 2008 - "Ladies and Gentlemen...questa sera Milano è lieta di presentarvi...", recitava il mega striscione della Curva Nord nerazzurra. Idea azzeccata, ma solo per il Milan. Proprio così, lieta di presentare il primo gol italiano di Ronaldinho in un'azione tutta brasiliana. Derby infuocato, con l'espulsione di Burdisso nella ripresa e quella di Materazzi dalla panchina. Successo meritato perché più cercato dai rossoneri molto più organizzati e propensi al sacrificio.
SUPERPOTENZE - Forze d'urto a confronto. La cavalleria leggera del Milan contro quella pesante dell'Inter. L'intraprendenza di Ancelotti contro la razionalità di Morinho. Kakà-Ronaldinho-Pato contro Mancini-Ibrahimovic-Quaresma. Il tecnico rossonero conferma tutto, mentre quello nerazzurro fa un cambio in difesa: Burdisso al posto di Cordoba.
TATTICISMI - Il primo affondo è del Milan. Ed è una dichiarazione di guerra. Bello lo scambio veloce fra Pato e Kakà che si allunga la palla in area per poi crossare dentro, ma Julio Cesar non si fa gabbare. Mancini replica al 3' con un rasoterra che Abbiati lascia scorrere a lato. Il Milan la mette sulla velocità, l'Inter sul pressing asfissiante. I rossoneri si adeguano. Ma i campioni d'Italia hanno già impresso sulla pelle il marchio di Mourinho: possesso palla e tendenza a far addormentare la gara, per colpire al cuore quando meno te lo aspetti. Come all'11': scambio veloce e tocco dentro di Ibra dalla destra, respinto con un piede da Abbiati. Il Milan gioca molto alto e la sua propensione offensiva, al 14', mette Zambrotta nella condizione di tirare dai 30 metri: alto, ma di poco. Ma sono tentativi frutto di un tatticismo esasperato.
MAICON - Molto eloquente, invece, l'affondo di Maicon al 17' che mette in area per Ibra, stoppato dalla tempestiva uscita di Abbiati. Arriva la replica di Pato al 19', il cui tiro viene respinto con il corpo da Burdisso. L'Inter dà però la sensazione di essere più squadra: autorevole e autoritaria quando occorre. Maicon, per esempio, ha spesso via libera sulla destra e con le sue incursioni è una scintilla nel gioco a volte macchinoso dei nerazzurri. Potente il tiro sull'esterno della rete al 24'.
DINHO FA LE PROVE... - Ma la prima vera grande occasione capita al 26' a Ronaldinho su tocco di Kakà: il tiro è perfetto, ma gigantesca è la deviazione di Julio Cesar in angolo sul suo palo. Come dire che il Milan è salito di tono e ci prova molto di più. E' un po' troppo e l'Inter si scuote. Ibra fa bruciare le mani ad Abbiati al 35'; un guizzo che non rappresenta però tutta la potenza fisica dello svedese, ingabbiato in una marcatura opprimente.
...E SALE IN CIELO - Al 36' l'evento. Kakà, in sospetto off-side, trova il varco sulla destra e invita alla danza Ronaldinho che non si fa pregare due volte; il Gaucho spicca il volo, supera Cambiasso in elevazione e infila alla sinistra di Julio Cesar. Monta la rabbia nell'Inter che carica a testa bassa. I rossoneri si chiudono a riccio, limitando spazi e raddoppiano le marcature, non disegnando però le ripartenze. I nerazzurri spingono ma devono fare i conti con un Milan grintoso che quando occorre esalta il suo profilo più operaio, senza risparmiare nessuno; Ronaldinho e Pato compresi. E' il tema ricorrente del secondo tempo, in cui il Milan risponde con un atteggiamento in linea con il suo vantaggio: difesa accorta e contropiede prepotenti in cui mette sotto pressione la retroguardia interista. E' così che Mourinho decide di cambiare al 14' due pedine: Materazzi con Cruz e Mancini con Adriano, per un 4-2-3-1 che vede Zanetti scalare in difesa. Ma è ancora il Milan a convincere di più, sfruttando la serata di grazia di quei tre brasiliani lì davanti. L'Inter intanto paga la mancanza di quadratura e meccanismi. Così a prevalere è l'istinto. Ibra al 27' trova un varco centrale, ma il suo rasoterra si perde a lato. Ancelotti avverte la necessità di inserire muscoli tra difesa e centrocampo. Esce così Pato per fare spazio a Flamini.
FINALE DA INFARTO - L'assalto al Fort Apache, che esalta le qualità di Ambrosini, si trasforma in arma a doppio taglio, perché al 31', nell'ennesimo contropiede Kakà viene steso da Burdisso già ammonito: cartellino rosso e Inter in dieci. C'è spazio anche per Stankovic (fuori Vieira) e per far saltare i nervi ai nerazzurri, panchina compresa. Materazzi viene infatti espulso e Stankovic sfiora il rosso per una brutta entrata ancora su Kakà. Shevchenko, entrato per Ronaldinho apre ulteriormente varchi e manca il raddoppio al 44' perché Julio Cesar fa l'ennesimo prodigio. Poi sono minuti crudeli. Per l'Inter che con Adriano si mangia il pareggio a un metro dalla gloria. Battito a cento allora per il Milan, fino al tiro alle stelle di Ibra.

(primo tempo 1-0)
MARCATORI: Ronaldinho (M) al 37' p.t.
MILAN (4-3-2-1): Abbiati; Zambrotta, Maldini, Kaladze, Jankulovski; Gattuso (Bonera dal 43' s.t.), Seedorf, Ambrosini; Kakà, Ronaldinho (Shevchenko dal 39' s.t.); Pato (Flamini dal 28' st). (Dida, Cardacio, Antonini, Emerson). All: Ancelotti
INTER (4-3-3): Julio Cesar; Maicon, Burdisso, Materazzi (Cruz dal 14' s. t.), Chivu; Vieira (Stankovic dal 35' s.t.), Cambiasso, Zanetti; Mancini (Adriano dal 14' st), Ibrahimovic, Quaresma. (Toldo, Cordoba, Rivas, Balotelli). All. Mourinho.
ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno (Niccolai, Papi).
NOTE: spettatori 79.057 per un incasso di 1.932.805,26 euro. Ammoniti Gattuso, Jankulovski, Burdisso, Vieira, Quaresma, Stankovic per gioco scorretto, Zanetti per proteste. Al 32' s.t. espulso Burdisso per doppia ammonizione, al 37' s.t. espulso Materazzi per proteste dalla panchina. Angoli 5-2 per il Milan . Recuperi 0' pt, 5' st.





Da Gazzetta.it

CATANIA, 28 settembre 2008 - Il Catania batte 1-0 il Chievo grazie al gol di Paolucci al 17' e si trova, in attesa del derby milanese, al terzo posto in classifica dietro a Lazio e Napoli. Per i siciliani si tratta della 13ª gara ufficiale consecutiva in cui sono andati a segno e al tempo stesso hanno portato l'imbattibilità della loro porta in gare ufficiali casalinghe a 370 minuti. Il Chievo, che aveva perso 2-0 l'unico precedente giocato nel 2007 sul neutro di Bologna, non vince in trasferta da marzo e nelle ultime 15 gare lontano dal Bentegodi ha ottenuto 1 vittoria, 5 pareggi e 9 sconfitte.
PRIMO TEMPO - Squadre schierate con moduli prettamente offensivi e subito aggressive. Catania più pericoloso: al 7' esterno destro di Mascara da circa 20 metri, palla a lato alla sinistra di Sorrentino, al 9' Paolucci crossa teso dalla sinistra e Martinez non arriva per poco a deviare verso la porta. Al17' l'azione decisiva: lancio lungo di Bizzarri, Malagò inciampa e Paolucci si invola solo verso la porta e mette in rete. Pronta la reazione veneta e al 20' Marcolini si trova libero sulla sinistra, colpisce di collo sinistro in diagonale e la palla esce di poco a lato. Per quattro o cinque volte Bizzarri è prezioso negli interventi e al 38' i padroni di casa sfiorano il raddoppio: delizioso inserimento di Martinez che dalla destra prova il diagonale destro e manda di non molto fuori sul secondo palo.
SECONDO TEMPO - Chievo sempre più incisivo, ma l'azione più pericolosa è ancora del Catania. Al 9' numero di Mascara che salta tutta la difesa in percussione e solo davanti a Sorrentino manda alto di destro. Zenga dispone i suoi magistralmente e la squadra di Iachini fatica a offendere. Al 30' il neo-entrato Bogdani si trova libero a 10-12 metri dalla porta, carica destro a colpo sicuro con grande potenza e colpisce in pieno il primo palo. L'offensiva dei veneti va scemando e al 40', con l'espulsione per doppia ammozione di Mandelli, praticamente svanisce. L'ultima emozione, in pieno recupero, è targata Baiocco che colpisce di destro il palo su un pallone dalla destra lasciato filare con maestria da Izco.
MATCH WINNER - Michele Paolucci è entusiasta, per la seconda volta ha segnato il gol decisivo quello nel match casalingo con l'Atalanta: "Sono felice per la vittoria anche perché se segni e non vinci la soddisfazione è a metà. Abbiamo giocato un'ottima partita, confermando la forza del nostro fattore campo. Manteniamo una mentalità da piccoli, dobbiamo accumulare punti di vantaggio sulle ultime tre e non mollare almeno fino a quota 40 punti. Basta poco per passare dalle stelle alle stalle".
Guido Guida

Catania-Chievo 1-0 (1-0)
MARCATORE: Paolucci 17' p.t.
CATANIA (4-3-2-1): Bizzarri; Sardo, Stovini, Silvestre, Silvestri; Ledesma, Biagianti, Tedesco; Martinez (21' st Baiocco), Mascara (41' st Izco); Paolucci (33' st Plasmati). (Kosicky, Terlizzi, Llama, Dica). All. Zenga
CHIEVO (4-3-3): Sorrentino; Malagò, Mandelli, Yepes, Scardina; Pinzi, Italiano (31' st Rigoni), Marcolini (23' st Bogdani; D'Anna, Pellissier, Langella (10' st Iunco). (Squizzi, Cesar, Frey, Luciano). All. Iachini
NOTE - Giornata serena, terreno in buone condizioni. Spettatori paganti 1780, abbonati 15.229. Espulso Mandelli per doppia ammonizione. Ammoniti Bizzarri, Silvestri, Biagianti per gioco scorretto. Angoli: 3-5. Recupero 2', 6'.


Da gazzetta.it

UDINESE, 28 settembre 2008 - L'Udinese batte 2-1 il Siena e sale al terzo posto in classifica. Dietro soltanto a Lazio e Napoli, aspettando il derby milanese. Il successo sul Siena è firmato dall'attacco stellare dei friulani. Di Natale ha incantato. Quagliarella si è ritrovato. Segnando. Come Pepe. Il Siena, a bersaglio con Kharja, ha dimostrato solidità e tenacia, non andando a picco, e anzi nel finale sfiorando pure un pari che non sarebbe stato un "furto". Ma il risultato premia la qualità dell'Udinese, orchestrata da un buon D'Agostino in campo e da un ottimo Marino in panchina. Nonostante qualche disattenzione difensiva arrivano così tre punti pesanti, anche considerando che l'Udinese gioca ogni tre giorni, tra campionato e coppa Uefa. E dosare le forze di un gruppo ricco ma non grondante di alternative mica è facile.
SUPER ATTACCO UDINESE - Il primo tempo è divertente. Ricco di occasioni da rete. Merito di due squadre che non vivono di arrocchi, ma provano trame offensive anche pretenziose, senza timore di tentare persino la giocata ed effetto. Questo soprattutto sul versante dei friulani, che dispongono di un attacco da leccarsi i baffi. Di Natale è tornato in buona condizione. Ed è di per sè una garanzia. Pepe è in un buon momento. Quagliarella no. E infatti sembrava non dovesse giocare. Ma esce ufficialmente dal momento difficile al 22' quando deposita in rete, comodamente, il sinistro vincente sull'assist deliziosa di Di Natale da sinistra. Primo gol in campionato del centravanti ex Sampdoria. Il Siena si lamenta per un presunto fuorigioco, sul gol, di Di Natale. Sembra esserci, questione di pochi centimetri. L'Udinese dopo il vantaggio prende fiducia. E una gara fino a quel momento equilibrata prende la direzione dei padroni di casa. Il raddoppio è firmato da Pepe, sull'assist di Quagliarella. Ritrovato.
RISPOSTA SIENA - I toscani però non mollano. Piegati, ma non atterrati dall'1-2 sottorete degli uomini di Marino. E allora prima Galloppa sfiora il gol sottomisura - Handanovic è bravo -, poi Kharja segna a porta vuota dopo il palo colpito da Maccarone.
SUPER DI NATALE - Il secondo tempo è più tattico. Le squadre concedono meno. E affiora la stanchezza. Del resto mercoledì si è giocato il turno infrasettimanale. Di Natale si esalta negli spazi larghi concessi da un Siena costretto a fare la partita (e che comunque applica bene il fuorigioco), ma si esibisce soprattutto come rifinitore. Il Siena viene fuori nel finale, trascinato da un Maccarone mai domo. E proprio Big Mac su punizione mette i brividi ad Handanovic: palla appena a lato. Poi il subentrato Frick (i toscani finiscono con tre punte) di sinistro mette a fondocampo vanificando una buona occasione. Ma la Siena la volontà non basta. Finisce senza benzina. E senza punti.
Riccardo Pratesi

MARCATORI: Quagliarella (U) al 22', Pepe (U) al 29', Kharja (S) al 38' p.t.
UDINESE (4-3-3): Handanovic; Motta, Coda, Domizzi, Lukovic (25' st Pasquale); Isla, D'Agostino, Tissone (19' s.t. Inler); Pepe, Quagliarella, Di Natale (36' s.t. Sanchez). (Korpivec, Sala, Ferronetti, Floro Flores). All. Marino.
SIENA (4-3-1-2): Curci; Rossettini, Ficagna, Portanova, Rossi; Vergassola, Codrea (14' s.t. Coppola), Galloppa (31' s.t. Frick); Kharja; Calaiò (14' s.t. Ghezzal), Maccarone. (Jaakkola, Del Grosso, Forestieri, Jarolim). All. Giampaolo.
ARBITRO: Marelli di Como.
NOTE: giornata di sole. Ammoniti: Curci e Ficagna. Recuperi: 0' p.t.; 4


Da gazzetta.it

TORINO, 28 Settembre 2008 - La Lazio vince 3-0 a Torino e sale in testa alla classifica in attesa del derby di Milano. Doppietta di Zarate e gol di Pandev per i romani. Il Torino chiude in nove e segna l'1-3 su rigore all'ultimo minuto. Non erano sbruffonate le dichiarazioni della vigilia di Zarate e Carrizo. Torino scornato e mazziato, dopo un primo tempo da applausi e una ripresa da crisi di nervi, con la complicità dell’arbitro Gava, che prende decisioni discutibili e contestatissime da tutto lo stadio torinese.
PARTENZA GRANATA - Il Torino non si fa impressionare dai quattro punti di distacco in classifica e parte subito per fare male alla Lazio, spingendo molto sulla destra con Abate, di nuovo in campo dopo l’infortunio con l’Olimpica. Schierato arretrato e larghissimo sulla destra fa impazzire Radu e crea pericoli continui alla Lazio. Sui palloni che butta in mezzo si avventano Bianchi e Abbruscato, che sfruttano la superiorità aerea per creare pericoli. Carrizo è pronto nelle uscite e la squadra di Rossi limita i danni. Fino alla beffa del 30’. Zarate slalomeggia al limite dell’area e si attira addosso tre difensori. La palla carambola sui piedi di Pandev, che all’altezza del dischetto la mette nell’angolino alla destra di Sereni.
TORO ALL'ASSALTO - Il Torino non si domare dallo svantaggio e al 32’ solo la traversa nega il pari al brillante Abbruscato. Anche un tiro alto di Saumel quasi dall’area piccola e una spizzata di testa di Di Loreto fuori di poco rientrano nell’elenco delle occasioni granata procurate dalle punizioni dalla trequarti di Corini. Nervosa la Lazio, con la coppia d’attacco ammonita per comportamenti irregolari a palla ferma (Zarate allontana la sfera e Pandev spinge Corini).
ZARATE OLE' - Nel secondo tempo il Torino inizia a spegnersi, mentre la Lazio sale di tono. Dopo un palo di Mauri al 16’ i romani raddoppiano due minuti dopo. Ci pensa Zarate, con un tiro da fuori area con effetto a uscire. De Biasi si gioca il tutto per tutto e butta dentro anche Ventola per Abate, dopo Amoroso che aveva sostituito Corini. Le quattro punte non servono a riequilibrare il match.
CAOS IN FONDO - Nel finale succede di tutto: Sereni impedisce a Brocchi di marcare il 3-0 al 36’. Il portiere tocca il centrocampista che cade. L’arbitro Gava fischia il rigore ed espelle Sereni per aver impedito una chiara occasione da gol. Non ci sono più sostituzioni per il Toro, quindi in porta va Ventola. Zarate non perde l’occasione di marcare il sesto gol in cinque partite di camipionato.
ROSSI DI RABBIA - Al 43’ poi Pratali non trattiene la rabbia per il contestatissimo rigore del 3-0 e stende Radu. Seconda ammonizione e padroni di casa in dieci. Nessuna consolazione per il Torino quando Lichsteiner commette fallo su Dzemaili e Gava fischia un altro rigore. De Biasi non ritrova l’autocontrollo e viene allontanato dall’arbitro. Amoruso non sbaglia dal dischetto. Finisce un pomeriggio da incubo per il Torino. Lazio invece in paradiso, in testa al campionato almeno fino alla fine del derby milanese.


MARCATORI: pt 30' Pandev (L); st 18' e 38' rig. Zarate, 47' rig. Amoruso.

TORINO (4-3-2-1): Sereni; Colombo (27' st Zanetti), Di Loreto, Pratali, Rubin; Dezmaili, Corini (14' st Amoruso), Saumel; Abate (24’ Ventola), Abbruscato; Bianchi. All. De Biasi.

LAZIO (4-3-3):Carrizo; Lichsteiner, Siviglia, Cribari (23’ Rozenhal), Radu; Brocchi, Ledesma, Mauri (32' st Manfredini); Foggia, Pandev (24' st Meghni), Zarate. All. Delio Rossi.

ARBITRO: Gabriele Gava di Conegliano Veneto

NOTE: Spettatori 16.000. Ammoniti 25’ Colombo (T), 41’ Dzemaili (T), 46’ Pandev (L), 40' st Rubin (T). Espulsi: 38' st Sereni (T), 43' st Pratali (T), 46' st De Biasi, allenatore Torino. Angoli 2-1 per il Torino. Recupero: 3' e 2'.


da gazzetta.it

I salentini affondano il Cagliari: 2-0, con un super gol dell'uruguaiano e raddoppio di Castillo nella ripresa. I sardi pericolosi solo nel primo tempo con Biondini e Acquafresca

LECCE, 28 settembre 2008 - Una perla di Giacomazzi e un contropiede micidiale orchestrato sull'asse Caserta-Castillo permettono al Lecce di Beretta di sfruttare ancora una volta il fattore campo. Per il Cagliari la situazione comincia a essere pesante: zero punti e appena un gol segnato in cinque giornate. Vedremo se Cellino prenderà provvedimenti in settimana.
SFIDA DELICATA - Una partita delicata al "Via Del Mare" di Lecce con il Cagliari di Allegri (con la panchina traballante) in cerca dei primi punti di questo campionato. Il Lecce ancora imbattuto in casa, festeggia le 100 partite di Zanchetta in serie A e punta su Castillo per aprire la difesa rossoblù.
PRESSING - Il Lecce parte aggressivo e il suo pressing forsennato mette in difficoltà il Cagliari. I lanci di Giacomazzi e Ariatti mettono in affanno la retroguardia isolana, con Tiribocchi molto attivo ma anche inconcludente. Al 6' Castillo si gira bene in area e impegna Marchetti. Poi una fiammata degli ospiti: palleggio di Larrivey e gran tiro al volo di Acquafresca che finisce alto. I salentini si spaventano e il Cagliari prende campo, scendendo bene sulle fasce con Pisano e Agostini.
EPISODIO DECISIVO - Ma al 34' standing ovation per Giacomazzi: prende palla sui 25 metri si gira e lascia partire uno splendido esterno destro imparabile. Un gioiello che stenderebbe anche un toro.
REAZIONE - Ma il Cagliari non molla, sente di non meritare lo svantaggio e attacca a spron battuto producendo due clamorose palle gol: al 37' Larrivey spizzica un pallone di testa su calcio d'angolo, Biondini in spaccata da un passo manda altissimo; al 40' Cossu lancia Acquafresca che davanti a Benussi fa un pallonetto altissimo che finisce fuori.
GOL CASTILLO - La reazione dei sardi è tutta qui, perchè nella ripresa i giallorossi legittimano il successo. Al 16' doppia sostituzione di Allegri: entrano Lazzari e Jeda. E proprio da un'incertezza a centrocampo del brasiliano arriva il contropiede che chiude la partita. Caserta se ne va sul fondo e dà una palla splendida rasoterra a Castillo che segna il suo secondo gol con la maglia del Lecce. Poi spazio alle sostituzioni e agli applausi del pubblico di casa per gli eroi di giornata: Zanchetta, Castillo e Caserta

MARCATORI: 34’ p.t Giacomazzi; 17 s.t Castillo
LECCE (4-3-1-2): Benussi; Polenghi, Fabiano, Stendardo, Antunes; Giacomazzi, Zanchetta (Ardito dal 26 s.t.), Ariatti; Caserta (Esposito al 44 p.t); Castillo (Cacia dal 29 s.t), Tiribocchi. (Rosati, Diamoutene, Boudiansky, Konan). All.Beretta
CAGLIARI (4-3-1-2): Marchetti; Pisano, Lopez, Bianco, Agostini; Fini, Conti, Biondini (Lazzari dal 14 s.t.); Cossu (Jeda dal 14 s.t.); Larrivey, Acquafresca (Matri dal 34 s.t). (Lupatelli, Matheu, Canini, Parola). All.Allegri
ARBITRO: Pinzani di Empoli
AMMONITI: Antunes, Tiribocchi, Bianco, Conti
NOTE: Giornata di sole. Recupero 0’ p.t; 4 s.t.


Da gazzetta.it

La squadra di Spalletti ritrova la vittoria superando 2-0 i bergamaschi con reti di Panucci e Vucinic. Ma soprattutto dimostra di essere in crescita a livello di individualità e di collettivo. Mercoledì l'impegno di Champions a Bordeaux

ROMA, 28 settembre 2008 - La Roma trova il gol per la ventesima gara consecutiva, frena l'emorragia, spezza il tabù che vuole in settembre il mese-no di Spalletti, ma soprattutto supera 2-0 un'Atalanta corposa e solida, ma non abbastanza per frenare una Roma in crescita e dagli slanci parzialmente ritrovati. Ma che intanto ha centrato in pieno il suo obiettivo: archiviare la sconfitta brutta e sporca di Genova incassata mercoledì sera. In attesa del confronto europeo di mercoledì a Bordeaux, e magari del recupero di qualche uomo-chiave. Intanto ci pensano Panucci e Vucinic, in gol nel primo tempo per meriti propri ma anche dopo sfortunate deviazioni bergamasche.
GIRA LA RUOTA - Per invertire la rotta (4 punti in 4 gare), Spalletti affida a Vucinic il ruolo di punta unica in un 4-1-4-1 che nasce anche dall'indisponibilità di sei giocatori e dalla squalifica di De Rossi. L'Atalanta, che al contrario prima del via fa parte del poker di testa a un sol punto dall'Inter (che giocherà stasera il derby), deve invece rinunciare all'ultimo minuto a Ferreira Pinto, ancora alle prese con un infortunio muscolare, e affida a Floccari il compito di trovare il quarto gol stagionale atalantino.
PRONTI, VIA - Parte inevitabilmente contratta la Roma, consapevole di non poter sbagliare, l'Atalanta mostra invece il piglio di chi è consapevole dei propri mezzi e certo non vuole fare la timida. Così la Roma è costretta a giocare col baricentro basso per il primo quarto d'ora, salvo poi trovare il gol al primo affondo. Non è un caso che a firmarlo sia Panucci, attuale capocannoniere giallorosso oltre che leader di una squadra orfana di Totti e De Rossi. Il difensore raccoglie un'azione d'angolo e scarica un sinistro che un tocco incauto di Manfredini devia alle spalle di Coppola. Così il difensore trova la sua seconda rete in campionato, oltre a quella realizzata in Champions. La squadra di Spalletti ritrova forza e coraggio, l'Atalanta perde un po' della sua verve iniziale. Riise comincia ad ambientarsi e anche Cicinho sembra maturato rispetto alla scorsa stagione, mentre Taddei lievita a vista d'occhio. Ma è il collettivo giallorosso a crescere, ritrovando almeno parte di quegli automatismi e di quello spirito di sacrificio che ne avevano fatto il più bel coro della passata stagione. Al 31' il raddoppio: Menez crossa basso, Garics tocca involontariamente, Vucinic è pronto alla deviazione: il suo destro in girata da centro area non perdona Coppola.
DEL NERI SENZA ALI - Il tecnico dell'Atalanta, dopo aver già tolto Padoin (per De Asacentis) nel primo tempo, toglie anche Defendi (il vice-Ferreira Pinto) a favore del più offensivo Valdes. Ma in realtà il canovaccio della gara non cambia rispetto ai primi 45': le squadre, ben disposte in campo, giocano corte e accorte. Difficile trovare spazi, ancora più presentarsi minacciosi dalle parti di Doni e Coppola. E infatti, gol a parte, di occasioni non se ne vedono proprio, se non un tentativo di Valdes di poco fuori e una conclusione di Aquilani che non sorprende Coppola. Qualche sprazzo della bella Roma che fu riaffiora qua e là, ma l'Atalanta non ha 9 punti per caso. Spalletti manda in campo Virga e Okaka, abbracciando Vucinic quando viene richiamato ai box. Ma l'Atalanta non ci crede più, la Roma si limita a un controllo attivo della gara e il lungo finale è solo accademia. Mercoledì è dietro l'angolo, meglio capitalizzare le energie.


MARCATORI: 17' pt Panucci, 31' pt Vucinic
ROMA (4-1-4-1): Doni; Cicinho, Mexes, Panucci, Riise; Brighi; Taddei, Perrotta, Aquilani, Menez (22' st Virga); Vucinic (34' st Okaka). (Artur, Loria, Filipe, Brosco, Montella). All. Spalletti

ATALANTA (4-4-1-1): Coppola; Garics (37' st Marconi), Talamonti, T. Manfredini, Bellini; Defendi (1' st Valdes), Cigarini, Guarente, Padoin (38' pt De Ascentis); Doni; Floccari. (Consigli, Capelli, Rivalta, A. D'Agostino). All. Del Neri

ARBITRO: Tagliavento di Terni

NOTE: ammoniti Vucinic, Cigarini, De Ascentis, Virga. Recupero 2' pt, 4' st. Spettatori 35 mila circa.


da Gazzetta.it

Un gol nel secondo tempo dell'attaccante pugliese regala la vittoria al Palermo. I calabresi non riescono a reagire e la squadra di Ballardini incamera agevolmente la terza vittoria consecutiva in casa

PALERMO, 28 settembre 2008 - Si conferma la legge del Barbera, a Palermo non si passa, anzi si perde e basta. Anche questa volta, in una partita non eccezionale dei rosanero, ci pensa Miccoli. La Reggina, che pure aveva cominciato con personalità, si perde presto e non riesce a lottare come la sua difficile situazione di classifica imporrebbe.
CATTIVO PROFETA - Ballardini alla vigilia aveva esposto il suo striscione "No al turnover" fuori dal centro sportivo dei rosanero: "Ho giocatori in ottima condizione - aveva detto - perchè cambiare?". Detto fatto, Bresciano accusa problemi muscolari ed è costretto alla tribuna, dentro Migliaccio. La Reggina conferma la formazione annunciata alla vigilia, con cinque centrocampisti, un rifinitore (Brienza) e una sola punta (Corradi).
MICCOLI MICCOLI - Anche se gli ospiti partono senza particolari timori reverenziali, l'intento della squadra di Orlandi col passare dei minuti diventa piuttosto chiaro: reparti stretti, metodi spicci e che non concedono spazio alla fantasia. Il Palermo, dal canto suo, non è quello frizzantino che il pubblico di casa è abituato a vedere e il risultato è una partita bloccata e dai pochi sussulti: due, in particolare, quelli del primo tempo ed entrambi di Miccoli, che prima sbaglia l'impatto al volo a pochi passi da Campagnolo, e poi si beve tutta la difesa avversaria ma allarga la mira al momento della conclusione.
FIGLIOL PRODIGO - Brienza aveva lasciato Palermo con una lettera indirizzata al cuore dei tifosi palermitani, che lo hanno sempre tenuto in grande considerazione, nonostante non giocasse poi molto. Se possibile, al 2' del secondo tempo, l'affetto nei suoi confronti è addirittura aumentato: il piccolo fantasista, infatti, solo davanti ad Amelia, si ferma volontariamente per far soccorrere Costa e Corradi dopo uno scontro aereo. Farina gli stringe la mano, il Barbera lo inonda di applausi.
SENZA PIETA' - Solo 5' più tardi, però, Miccoli mette nel cassetto il libro cuore e veste i panni del cecchino implacabile, approfitta di una dormita di Cirillo, s'invola verso l'area e con un delizioso colpo sotto d'esterno batte Campagnolo. La reazione reggina? Al 24' del secondo tempo il primo tiro in porta, lento ed innocuo, di Carmona su punizione, poi una pressione costante ma decisamente sterile. Troppo poco per una squadra che ha un punto in classifica e che avrebbe tanto bisogno di gol.

MARCATORE: Miccoli al 7' del s.t.
PALERMO (4-3-1-2): Amelia, Cassani, Carrozzieri, Bovo, Balzaretti, Nocerino, Liverani, Migliaccio, Simplicio, Cavani (Tedesco dal 46' s.t.), Miccoli (Lanzafame dal 37' s.t.). (1 Ujakani, 15 Dellafiore, 18 Ciaramitaro, 19 Succi, 46 Raggi). All.: Ballardini.
REGGINA (3-5-1-1): Campagnolo, Lanzaro, Cirillo, Santos, Vigiani, Barreto, Carmona, Halfredesson (Barillà dal 9' s.t.), Costa (Sestu dal 12' s.t.), Brienza (Ceravolo dal 45' s.t.), Corradi. (1 Puggioni, 16 Valdez, 31 Tognozzi, 88 Di Gennaro). All.: Orlandi.
ARBITRO: Farina di Novi Ligure.
NOTE: Spettatori: 19.235. Ammoniti: Liverani, Cirillo, Lanzaro per gioco falloso, Santos per comportamento non regolamentare. Recupero: 1' p.t. e 4' s.t.. Calci d'angolo: 5 a 3 per il Palermo.

VIDEO: BOLOGNA - NAPOLI 0-1 goals sintesi highlights

da Gazzetta.it

Una rete dell'argentino a cinque minuti dalla fine regala tre punti pesanti agli uomini di Reja, per ora secondi dietro la Lazio. Emiliani senza idee e alla quarta sconfitta consecutiva

BOLOGNA, 28 settembre 2008 - Un giocatore rappresentativo di una squadra: Gustavo German Denis è soprannominato "El tanque", il carro armato. E il Napoli di oggi, secondo in classifica dietro la Lazio, è proprio così. Difficile da battere, scorbutico, e capace di piazzare la zampata vincente al momento giusto. Certo, contro il Bologna tutto si è fatto più facile. Onestamente, gli emiliani sono in totale confusione: formazione inspiegabile, giocatori fuori condizione, attacco inesistente. Così fanno quattro sconfitte consecutive, senza segnare. Lo 0-1 contro il Napoli potrebbe essere l'ultimo atto di Arrigoni in panchina.
VISTA UEFA - Tanta buona volontà, ma anche tanti (tantissimi) errori. Il primo tempo è soprattutto questo, in particolare da parte del Bologna. Gli emiliani, reduci da tre sconfitte consecutive, devono dare segni di vita. Reja, dall'altra parte, lascia riposare qualche big in vista della partita contro il Benfica di giovedì. Spazio, dunque, ai vari Montervino, Pazienza, Mannini e Pià.
CONFUSIONE VS. CONTENIMENTO - Dicevamo dei troppi strafalcioni da parte dei giocatori in campo. Proprio quelli del Bologna, specialmente in fase avanzata, ne inanellano uno dopo l'altro. La voglia di fare non manca, ma tra Adailton e Di Vaio è una gara a chi la combina peggio. Gli ospiti pensano più che altro a contenere, Hamsik ha il freno a mano tirato, la coppia Zalayeta-Pià non ingrana, e allora si capisce perché i guanti dei due portieri restino puliti fino all'intervallo.
CAMBI - La partita si mantiene sotto sedativi anche per buona parte della ripresa. Gli allenatori mischiano le carte e provano a pescare il jolly. E qui si decide tutto, perché se da un lato entrano Valiani e Marazzina, dall'altro sbucano Gargano, Denis e Russotto. Chi più chi meno, saranno decisivi; specie quelli del Napoli. L'attacco, da inesistente, comincia a creare problemi alla difesa bolognese, e a centrocampo non si muove più una foglia.
"TANQUE" - La tacca della benzina in casa rossoblù ondeggia pericolosamente verso la riserva. Senza strafare, gli ospiti prendono in mano la gara. Denis pensa più a tuffarsi e rimedia un giusto giallo per simulazione; ma date un cross al "Tanque" e lui vi solleverà il mondo. Puntuale, angolo di Gargano sulla fronte dell'argentino e decollo vincente. E' l'1-0 che spezza le gambe in maniera definitiva ai padroni di casa quando mancano 5' alla fine. Napoli in trionfo, che potrebbe pure raddoppiare con Pazienza in contropiede. Poco male, visto il secondo posto. In attesa del derby.
Alessandro Ruta

BOLOGNA-NAPOLI 0-1 (Primo tempo: 0-0)
MARCATORE: Denis al 42' st
BOLOGNA (3-5-2): Antonioli; Moras, Terzi, Bombardini; Zenoni, Mudingayi, Volpi, Amoroso (dal 35'st Marazzina) Lanna (dal 13'st Valiani); Di Vaio, Adailton (dal 29'st Mingazzini). (A disp.: Colombo, Marchini, Rodriguez, Bernacci). All.: Arrigoni.
NAPOLI (3-5-2): Gianello; Santacroce, Rinaudo, Aronica; Montervino, Pazienza, Blasi, Hamisik (dal 17'st Gargano), Mannini; Pià (dal 24'st Denis), Zalayeta (dal 35'st Russotto). (A disp.: Navarro, Cannavaro, Contini, Vitale). All.: Reja.
ARBITRO: Ayroldi di Molfetta.
AMMONITI: Adailton (B), Montervino (N), Mudingayi (B), Denis (N).
NOTE: giornata soleggiata e ventosa, terreno in buone condizioni, spettatori 15.000, angoli 9-7 per il Napoli. Recupero: 0'; 4'.


RAIKKONEN OUT – A quattro giri dalla fine anche Raikkonen decide di metterci del suo nel disastro asiatico della Ferrari: il finlandese va a sbattere contro il muro quando era 5° e stava recuperando su Glock, condannando la Rossa a finire per la prima volta senza punti dopo 46 gare.


From www.iht.com

SINGAPORE: Ferrari's Felipe Massa, who started on the pole position, received a setback at the Singapore Grand Prix on Sunday after driving off from a pit stop with a fuel rig still attached to his car.

The hose tore off its mooring, spewing gasoline in the air and lashing a crew member who fell to the ground as the Ferrari drove away, less than 50 minutes into the race.

After realizing the error, Massa stopped further down in the pit with the hose trailing behind him, as stunned crew members rushed to help.

Having lost precious time, Massa rejoined the race in 18th position, wrecking what until then had been a perfect race from the pole. He had been well in front of championship leader Lewis Hamilton, who started second.

The Brazilian was given a drive-through penalty for unsafe release because he almost collided with another car while leaving the pit with the hose.

The mechanic who was brought down by the snaking hose was carried away on a stretcher for a checkup at the on-track medical center.

In other incidents, Renault's Nelson Piquet Jr. crashed against a side protective barrier, while Ruben Barrichello found his Honda stopping suddenly.

Piquet was apparently unhurt, climbing out of his wrecked car before dashing across the track to get out through an opening. Barrichello also found his way out of the track to mingle with spectators and shake their hands.



From Eurosport.com

Rossi seals sixth World Championship

Fiat Yamaha's Valentino Rossi won a sixth World Championship crown in the Japanese MotoGP at Motegi after winning from fourth on the grid.

His rivals Casey Stoner and Dani Pedrosa finished second and third respectively. A podium would have been sufficient for the Italian to take his first title for three years, but he opted to claim it in style.

"It's difficult to compare titles but this one definitely feels great," Rossi said afterwards. "It was a tough battle this year.

"To win the championship with a race win is fantastic.

"I've won some hard championships - like the first with Yamaha in 2004 - but this one I maybe tried to put more effort in outside of the races to try and win."

It did not start so well. Ducati Marlboro man Stoner came through to snatch first position from pole sitter Jorge Lorenzo, Rossi's team-mate, as he was slow off the line.

Repsol Honda pair Pedrosa and Nicky Hayden were second and third and Sheffield rider James Toseland eighth after making up two early places.

Lorenzo remained ahead of Rossi, who seemed tentative; however by the second lap he was up into third and bearing down on the leading pair.

Pedrosa, who started in fifth, had taken top spot on lap two but Stoner sneaked up the inside to claim it back on lap four.

There was little action throughout the field - Marco Melandri's trip to the gravel and drop down the order one of the few moments of drama - but at the front the action was intriguing.

Rossi reeled in Pedrosa by the 10th tour of the track and the Spaniard dropped off to fight off countryman Lorenzo as 'The Doctor' went after reigning champion Stoner.

Rossi took the lead halfway through the race, with 12 laps still to run; Stoner could not keep up with the Yamaha rider as he eased home for an eighth world title in all and sixth in the premier class.

Toseland evenutally finished 11th on the Tech 3 Yamaha as Shinya Nakano, fellow rookie Andrea Dovizioso and John Hopkins passed him, the latter in the final laps.

Stoner's second place gives him an 11-point advantage over Pedrosa in the fight for second in the championship.

Valentino Rossi Factbox

Born: February 16 1979 in Urbino, Italy

His first passion was go-karts but follows his father Graziano by taking up motocycling and races in his first grand prix with Aprilia in 1996 in the 125cc category.

* Wins the 125cc world championship in 1997

* Moves up to the 250cc category and seals World Championship in 1999 with Aprilia.

* Takes the 500cc world title with Honda in 2001 before winning the 2002 and 2003 championships as the event becomes MotoGP.

* Switches to Yamaha and secures the 2004 and 2005 world titles to become one of the sport's all time greats.

* Suffers disappointing 2006 and 2007 seasons but pledges to stick with Yamaha and his decision is justified when he surges to the 2008 championship.

* Nicknamed 'The Doctor' in Italy, he has become one of the country's most loved sportsmen despite a tax evasion probe in 2007 which resulted him in paying a 35 million-euro bill.

* Known for his colourful helmets, Rossi has also shown an interest in Formula One and rally cars, media often speculating that one day he will swap two wheels for four.

Jonathan Symcox / Eurosport

Pos. Points Num. Rider Nation Team Motorcycle Total time Km/h Gap
1 25 46 Valentino ROSSI ITA Fiat Yamaha Team Yamaha 43'09.599 160.181
2 20 1 Casey STONER AUS Ducati Marlboro Team Ducati 43'11.542 160.061 1.943
3 16 2 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 43'14.465 159.881 4.866
4 13 48 Jorge LORENZO SPA Fiat Yamaha Team Yamaha 43'15.764 159.801 6.165
5 11 69 Nicky HAYDEN USA Repsol Honda Team Honda 43'34.192 158.674 24.593
6 10 65 Loris CAPIROSSI ITA Rizla Suzuki MotoGP Suzuki 43'35.284 158.608 25.685
7 9 5 Colin EDWARDS USA Tech 3 Yamaha Yamaha 43'35.517 158.594 25.918
8 8 56 Shinya NAKANO JPN San Carlo Honda Gresini Honda 43'35.602 158.589 26.003
9 7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA JiR Team Scot MotoGP Honda 43'35.818 158.576 26.219
10 6 21 John HOPKINS USA Kawasaki Racing Team Kawasaki 43'46.730 157.917 37.131
11 5 52 James TOSELAND GBR Tech 3 Yamaha Yamaha 43'47.173 157.890 37.574
12 4 14 Randy DE PUNIET FRA LCR Honda MotoGP Honda 43'47.619 157.863 38.020
13 3 33 Marco MELANDRI ITA Ducati Marlboro Team Ducati 43'49.367 157.759 39.768
14 2 50 Sylvain GUINTOLI FRA Alice Team Ducati 43'55.445 157.395 45.846
15 1 13 Anthony WEST AUS Kawasaki Racing Team Kawasaki 44'05.347 156.806 55.748
24 Toni ELIAS SPA Alice Team Ducati 44'08.919 156.594 59.320
15 Alex DE ANGELIS RSM San Carlo Honda Gresini Honda 44'21.997 155.825 1'12.398
Not classified

7 Chris VERMEULEN AUS Rizla Suzuki MotoGP Suzuki 29'15.247
8 Lap
Not finished 1st lap

64 Kousuke AKIYOSHI JPN Rizla Suzuki MotoGP Suzuki

sabato 27 settembre 2008


Da Gazzetta.it

Gasperini aveva organizzato nel primo tempo una partita molto accorta, e la Fiorentina, nonostante il predominio non era riuscita a sfondare. Poi quando nella ripresa il tecnico rossoblù prova a vincere con la carta Milito, ecco la prodezza decisiva del centravanti

FIRENZE, 27 settembre 2008 - Arrivederci Roma. Potenza dell'ambiente: dopo la strigliata di Prandelli, ecco il sostegno del presidente Andrea Della Valle - oggi in spogliatoio - e il tifo incessante del pubblico. Così la Fiorentina riesce a dimenticare il suo crollo con la Lazio, grazie a una vittoria ottenuta su un Genoa decisamente ostico e che porta la firma dell'ormai "solito" Alberto Gilardino.
PRESSING IN 12 - I viola partono con grande intensità, pressando alto e cercando la profondità. C'è anche il pubblico a "pressare", voglioso di dimostrare ai suoi che il crollo di Roma è ampiamente perdonato: il tifo è incessante. E' così che maturano ben presto le prime occasioni, come quella firmata da Mutu che di testa, su cross da destra, mette fuori di poco sul primo palo, o come il gran tiro di Montolivo che costringe il portiere rossoblù Rubinho alla parata più difficile della frazione di gioco, in due tempi. C'è poi un bel Gilardino, in versione sempre più uomo squadra, capace di tener palla tra molti avversari per far salire i compagni come di liberarsi in dribbling per il tiro; ben sostenuto da Semioli e Felipe, oltre che dalle incursioni sulla sinistra di Gobbi. Il Genoa, dal canto suo, per un po' si adegua, ma poi raccoglie la sfida, almeno sul piano dell'intensità: inizia a pressare alto e a ripartire, soprattutto alla sua destra con Rossi. Gasperini ha però risparmiato un certo Milito, per cui di occasioni non se ne parla.
LA SVOLTA - I viola ripartono in attacco, ma a quel punto, dopo pochi minuti, Gasperini cala l'asso: entra Milito e la partita cambia. Il Genoa ora ha due punte, e immediatamente Olivera ha sui piedi la prima opportunità della sua squadra. Poi è lo stesso Milito ad approfittare di una voragine e ad andare dritto verso la porta: il problema è che nell'occasione i talenti sono due: dall'altra parte c'è Frey, che fa il miracolo. Diventati più offensivi, i rossoblù sono anche però più scoperti: la Fiorentina lo capisce e riparte. Prima c'è l'eccesso di generosità di Mutu, che di testa da pochi passi cerca la sponda per Gila. Che poco dopo sforna la prodezza, risolvendo un batti e ribatti in area con un'acrobatica girata imparabile. Poi è Prandelli a fare la mossa giusta, inserendo con Pazzini e Santana forze fresche e mantenendo la pressione sul Genoa, che va vicino al gol solo in un paio di occasioni. Ma in quei casi c'è sempre Frey, a dimostrare le rinnovate ambizioni di una squadra che vuole sentirsi forte dal numero 1 (il francese) all'11 (il Gila). Per Gasperini, invece, il rammarico di non aver mantenuto la prudenza del primo tempo, ottendendo col cambio tattico il risultato opposto a quello atteso.

Sono ben nove i cartellini gialli
(primo tempo 0-0)
MARCATORE: Gilardino al 16' st.
FIORENTINA (4-3-3): Frey; Jorgensen, Dainelli, Kroldrup, Gobbi; Montolivo, Melo, Donadel; Semioli (21' st Santana), Gilardino (21' st Pazzini), Mutu (38' st Osvaldo). (Storari, Gamberini, Zauri, Kuzmanovic. All.: Prandelli.
GENOA (3-4-3): Rubinho; Papastathopoulos, Ferrari, Criscito; Rossi, Milanetto (41' pt Juric), Vanden Borre (15' st Modesto), Bocchetti; Olivera, Palladino, Mesto (6' st Milito). (Scarpi, Sculli, Jankovic, Biava). All.: Gasperini.
ARBITRO: Rosetti di Torino 6.
NOTE: spettatori 35 mila circa. Ammoniti Donadel, Milanetto, Bocchetti; Dainelli, Gilardino, Papastathopoulos, Montolivo, Olivera, Osvaldo. Angoli 7-4 per la Fiorentina. Recupero: 1' pt, 4' st.


Da Gazzetta.it

L'anticipo della 5ª giornata di serie A a Marassi termina senza reti. Gara poco divertente. Bianconeri vicini al vantaggio nel primo tempo con un palo di Del Piero, blucerchiati pericolosi nella ripresa con Sammarco

GENOVA, 27 settembre 2008 - La Juventus pareggia ancora. Dopo il pari casalingo con il Catania, arriva un'altra battuta d'arresto. 0-0 a Marassi. Contro una Sampdoria compatta, scorbutica. La solita. Quella che sul suo campo aveva già fermato l'Inter. Quella che in mezzo non si fa mettere sotto da nessuno, e che quando Cassano gira a mille (ma stasera ha esibito la sua classe a sprazzi) può far paura a tutti a casa sua. Certo la Vecchia Signora non si è presentata nella sua versione più sexi. Monotona, monocorde. Un po' noiosa. Di sicuro poco brillante. E soprattutto incapace di cambiare marcia. Come aveva fatto almeno per 10-15 minuti contro il Catania, quando l'aveva fermata solo un grande Bizzarri. Stavolta l'anemia offensiva (4 reti in 5 partite) si è manifestata in maniera preoccupante. E siccome Amauri (stasera poco brillante) ha avuto un grande inizio di stagione, e Del Piero anche oggi è stato il più pericoloso dei suoi, il problema del gol sembra più da imputare alla mancanza di rifornimenti, dal centrocampo e dagli esterni bassi. E poichè di gol in campionato (dove resta senza vittorie) la Samp ne ha segnati addirittura solo due, lo 0-0 è risultato quasi inevitabile. Per i blucerchiati fa il paio con quello maturato a Siena a metà settimana.
PALO DI ALE - Primo tempo molto fisico. E poco divertente. La Samp intasa il centrocampo, affidandosi ai guizzi di Cassano in avanti e alle volate sulla destra di Stankevicius, un "cavallone" che mette in difficoltà Molinaro e prova spesso e volentieri la conclusione, anche dalla grande distanza. Senza fortuna. La Juve non riesce a fare molto di più sul piano del gioco. Sulle fasce non sfonda, in mezzo non è che Sissoko e (soprattutto) Poulsen possano trasformarsi improvvisamente in fantasisti illuminati. E allora la Juve è aggrappata, come sempre, all'estro di Del Piero, l'unico che riesce a farsi vivo in fase conclusiva. Sfiora il gol due volte. Prima su punizione (Mirante è attento e respinge), poi con un diagonale di destro, che colpisce il palo e finisce sul fondo. Per la Juve che fatica a segnare è il terzo legno in quattro giorni, due li aveva colpiti contro il Catania. All'intervallo è 0-0. Il pari è il risultato più logico, anche se la Juve ha creato qualcosina in più.
OCCASIONI SAMP - Il secondo tempo è ancora equilibrato. Ma stavolta le occasioni le ha la Samp. Una punizione di Cassano di poco larga. Un colpo di testa appena alto di Sammarco su angolo dalla destra. La Juve stenta. Perchè Del Piero cala di giri, e le alternative latitano. Sissoko è una furia in fase di recupero palla, ma poi non è lui che può rifinire. E Camoranesi è chiuso nella morsa Accardi-Pieri, con Franceschini pronto a triplicare la marcatura. Ranieri inserisce Iaquinta per il suo capitano. Ma non cambia nulla. E finisce 0-0. Senza squilli.

Pochi minuti per Iaquinta e Bonazzoli
SAMPDORIA (3-5-1-1): Mirante; Lucchini (35' s.t. Bottinelli), Gastaldello, Accardi; Stankevicius, Sammarco, Palombo (29' s.t. Dessena), Franceschini, Pieri; Delvecchio (43' s.t. Bonazzoli), Cassano. (Castellazzi, Ziegler, Fornaroli, Padalino). All. Mazzarri.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger; Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Camoranesi, Poulsen, Sissoko, Nedved; Amauri, Del Piero (28' s.t. Iaquinta). (Chimenti, Salihamidzic, Knezevic, Giovinco, De Ceglie, Tiago). All. Ranieri.
ARBITRO: Rizzoli.
NOTE: spettatori:28.000 circa, di cui 7005 paganti, per un incasso lordo di 270.390 euro. Ammoniti: Gastaldello, Lucchini, Mellberg, Camoranesi. Recupero: 0' p.t. e 4' s.t..